Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Sono al Pisa Book Festival quindi leggo

Il Pisa Book Festival 2017, il Salone del libro più “indie” d’Italia, inaugura oggi la sua quindicesima edizione. Al palazzo dei Congressi della cittadina toscana per tutto il weekend si potranno visitare gli stand di più di centocinquanta editori indipendenti e si potrà seguire il fittissimo programma di eventi, tra presentazioni e laboratori di scrittura e traduzione. 

Non Parlare con la bocca piena di Chiara Francini

Il Paese ospite quest’anno è la Finlandia, che sarà rappresentata da alcuni dei suoi scrittori più interessanti. Tra loro c’è Riikka Pulkkinen, giovane esponente della letteratura nordica che è stata tradotta in più di venti lingue. I suoi romanzi, La promessa del Plenilunio e L’armadio dei vestiti dimenticati, raccontano vicende di personaggi femminili intensi che si confrontano con la malattia e i ricordi di una vita, e vivono amori che resistono a tutto. 

Dimenticare di Peppe Fiore

Di amori resistenti scrive anche l’autrice di Non parlare con la bocca piena, l’attrice e scrittrice toscana Chiara Francini, che presenterà il suo primo romanzo al Pisa Book Festival. La protagonista del suo libro imparerà dai genitori come si costruisce un amore duraturo, in una commedia sentimentale che dispensa ritratti esilaranti e pillole di saggezza. 

Un’altra penna ricca di verve ironica è quella di Arianna Porcelli Safanov, che nel suo Storie di matti ci aiuta a scoprire la follia annidata nelle persone “normali” e persino stimate che ci circondano e, a volte, ci governano. Non si salva nessuno nelle descrizioni della Safanov, e chissà che tra i matti non ne troviate uno che vi assomiglia. 

Le otto montagne di Paolo Cognetti

Al Pisa Book Festival gli amanti dei gialli e dei misteri troveranno libri per i loro gusti nella presentazione del nuovo romanzo di Marco Vichi -“Nel più bel sogno”, autore della serie di gialli con protagonista il commissario Bordelli, il poliziotto scontroso e tormentato che compie le sue indagini nella Firenze degli anni Sessanta. Atmosfere noir anche nella nuova opera del napoletano Peppe Fiore, Dimenticare. È ambientato in una malinconica località sciistica dell’alto Lazio il romanzo di Fiore, il cui  protagonista cerca rifugio da un segreto sepolto nel passato, anche se i segreti, si sa, quasi mai restano tali… 

In montagna è dove ci ha portato il vincitore del Premio Strega Paolo Cognetti, tra i più attesi ospiti del Pisa Book Festival, con Le otto montagne, un romanzo di formazione tra le vette del Monte Rosa e dell’Himalaya di cui avevamo parlato qui http://www.timreading.it/blog/Libri_da_leggere_in_montagna.

Per chi non andrà a Pisa, non resta che seguire la manifestazione tra le pagine in streaming di TIMREADING e sulle nostre pagine social.

 

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti