Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Imparare a sorridere alla vita con un metodo garantito

SU TIMREADING UNA SUPEROFFERTA CON IL 75% DI SCONTO. A SOLI 1.99 L’EBOOK COME SCOPRIRE IL POTERE LIBERATORIO DEL VAFFANCULO E SORRIDERE ALLA VITA. PROVARE PER CREDERE

Oggi vorrei parlarvi del metodo “esticazzi”. Sì, lo so, l’ho già fatto in passato. Ma credo che il metodo, tanto caldeggiato dalla mia psicoterapeuta, meriti un approfondimento. Sì, perché dire “esticazzi” se arrivi tardi a prendere tuo figlio da scuola, per alcune, le più perfezioniste tra noi, può essere già visto come un traguardo ma per altre, la maggioranza, è un gioco da ragazze.
Provate a dirlo quando sono notti e notti che non dormite, quando vi svegliate con la testa come un pallone e no, non avete passato la notte al Cocoricò, quando siete stanche, irritabili, ansiose per tutta la giornata. Provate a dire “esticazzi” quando vi sentite dentro a un tunnel di cui non vedete la luce, quando le giornate vi sembrano tutte uguali e tutte ugualmente noiose, quando la vostra vita “di prima” vi sembra un miraggio sempre più lontano e sbiadito.

Ecco, non è così semplice.

Non ho chiuso occhio stanotte.
Esticazzi, adesso mi vedo un film e provo a rilassarmi.

Eh, ma il pavimento fa schifo.
Esticazzi, più tardi viene la ragazza che mi aiuta in casa, ci penserà lei.

Eh, ma lei mica lo pulisce bene come me il pavimento.
Eeeeeeeesticazziiiii, pazienza. Guardati quel film e zitta.

Eh.
Cosa c’è ancora?

No, è che il bambino si è svegliato e non posso vedere il resto del film.
Mollalo alla ragazza esticazzi.

Ma sono una pessima madre e il pavimento è ancora uno schifo!
Esticazzi.

E io, che non ho nessuno che mi aiuta in casa che dovrei dire?
Esticazzi. Dovresti dire esticazzi. Lascia perdere il pavimento, metti tuo figlio nel box dieci minuti e finisci almeno quella scena del film. Il manuale della brava mamma dice che non si mettono i bambini nel box?
Esticazzi.

come-scoprire-il-potere-liberatorio-del-vaffanculo-e-sorridere-alla-vita-parkin-john-c-gaia-pollini

Devi pur sopravvivere. Fai quello che puoi, stringi i denti e ricordati che ci sono milioni, sì, hai sentito bene, milioni di donne nel mondo che stanno come stai tu. Non importa l’estrazione sociale, i soldi a disposizione, il livello culturale, la bellezza, l’età. Non importa se hanno aiuti, se il marito le ha lasciate, se hanno altri figli o solo uno. 

La sola, unica differenza la fa la capacità di dire o meno “esticazzi”. Ci riesci? Sei salva. Non ci riesci? La strada verso i serotonigenici e le benzodiazepine è spianata.

Ecco perché voglio che lo ripetiate insieme a me, ogni giorno, fino allo sfinimento. Inspirate in quattro tempi. Trattenete il respiro per sette. Espirate per otto. E ditelo. Esticazzi. Ditelo se avete la febbre, se non avete voglia di fare l’amore, se ne avete tanta e nessuno con cui farlo. Ditelo se non vi va di giocare coi vostri figli o di portarli al parco. Ditelo se vi sentite depresse, se vi hanno rubato il portafogli, se il gatto ha vomitato sul tappeto e se vi siete sporcate le dita di pupù mentre controllavate il pannolino di vostro figlio.

E visto che il “metodo esticazzi” ancora non è stato brevettato ma ne esiste uno molto simile che si chiama Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita di John Parkin e Gaia Pollini. Intanto leggetevi in streaming su TIMREADING quello, che è pure scontato a più del 70% per tutto luglio, soli 1.99 euro! Pare che funzioni. Con voi i libri di self help non funzionano? Ripetete con me. Esticazzi. 

Parola di mamma.

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti