Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Noi ci vogliamo bene. I consigli per affrontare un periodo davvero speciale

LEGGI IN STREAMING L’EBOOK DI MARCO BIANCHI CON TANTI CONSIGLI E SUGGERIMENTI PER MAMME E PAPÀ PER AFFRONTARE CON SERENITÀ LA GRAVIDANZA E I PRIMI MESI DEL BEBÈ.

Questa mattina ho preso coraggio e ho fatto una cosa.
Una cosa che per sette mesi e mezzo mi sono rifiutata di fare. L’ho fatto così, d’impulso, senza riflettere, trovando il coraggio nelle pieghe dei miei sensi di colpa.
Questa mattina mi sono spogliata e sono salita sulla bilancia. Ho trattenuto il respiro mentre le cifre scorrevano veloci sul display. Ho guardato. Immobile. Pietrificata.
La buona notizia è che pare che io abbia solo tre chili e mezzo in più del mio peso forma. Tre chili e mezzo non sono poi tanti, lo so. L’altra buona notizia è che almeno uno di quei tre chili e mezzo è concentrato in un luogo dove al massimo, di solito, ci sono due etti o poco più: le tette.
La cattiva notizia è che il resto è saldamente attaccato a pancia e cosce, con l’aggravante di una sorta di patina di ritenzione idrica che mi parte dalle caviglie e arriva insidiosa fino al mento.

noi-ci-vogliamo-bene-bianchi-marco

C’è da dire che allatto. E no, io non sono una di quelle che in allattamento dimagrisce fino a diventare scheletrica. Io do la colpa alla prolattina, ma la verità è che magno. Non posso non mangiare. Se prima riuscivo a saltare il pranzo senza accorgermene, ritrovandomi alle tre del pomeriggio a dire con nonchalance “oh, cavolo, mi sono dimenticata di pranzare”, tra l’invidia di amiche e passanti, adesso bastano due ore senza mettere niente sotto i denti che mi trasformo in una tigre in crisi d’astinenza da preda. E la mia non è una fame così, generica. Una fame che va bene pure una galletta di riso e uno spicchio di mela. No. La mia è una fame specifica. Atavica. Di spaghetti alle vongole. Di bagna cauda. Di pop corn. Le voglie della gravidanza? Non pervenute. Io ho le voglie d’allattamento. E visto che questo è il mio secondo figlio e mi conosco e so bene che finché lo allatto, tra notti insonni e produzione casearia non c’è dieta che tenga, ho deciso di prenderla con filosofia e abbracciare la mia pancetta. Che tanto di tempo per dimagrire ce ne sarà. Che per quest’estate evviva i costumi interi da pin up e chissenefrega.

Però, ragazze, un consiglio spassionato.  Se avete intenzione di riprodurvi a breve, siate lungimiranti.

 Voi non sapete in quale categoria finirete, se in quella – esigua a dire il vero -  che allattando rinsecchisce o in quella – più ampia a mio avviso – delle mucche da latte, quindi partite col piede giusto. Almeno in gravidanza, seguite i consigli di un bravo nutrizionista come Marco Bianchi nell’ebook, in promo al 30% per tutto giugno, Noci ci vogliamo bene e cercate di mantenere un peso accettabile. Che per sfondarsi, una volta neutralizzato il ginecologo che vi sgrida se mettete un etto, c’è sempre tempo dopo. Ah, l’ebook ha anche un sacco di spunti interessanti per lo svezzamento e tante ricette golose. Che se anche voi vi sfondate di Pringles, il pargolo va alimentato con giudizio. Da brave, eh. 

 

Parola di mamma

 

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti