Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Sono al Torino Film Festival quindi leggo

Il Torino Film Festival 2017 entra nel vivo. Giunta alla sua trentacinquesima edizione, l'importante rassegna cinematografica italiana animerà le sale torinesi fino al 2 dicembre. Per i visitatori, che sin dal primo giorno si sono dimostrati numerosissimi, la possibilità di scoprire tanti film d'autore, corredati da imperdibili cortometraggi, opere sperimentali e sezioni a tema. Ma al Torino Film Festival, che torna alla Mole Antonelliana dopo dieci anni, anche tanti eventi speciali, musica, ospiti e una grande retrospettiva dedicata al cinema di Brian De Palma. 

canto-di-natale-charles-dickens

Tra le opere nuove al centro della rassegna c'è sicuramente "Dickens - L'uomo che inventò il Natale", presentato in anteprima internazionale a Torino e in uscita nelle sale italiane il 21 dicembre. La pellicola, diretta dal regista indiano naturalizzato britannico Bharat Nalluri, racconta il tortuoso viaggio che ha portato alla creazione del personaggio di Ebenezer Scrooge, del piccolo Tim e degli altri famosi protagonisti del celebre racconto di Charles Dickens “Canto di Natale”. L'occasione ideale per immergersi nell'atmosfera natalizia e per scoprire lati inediti di uno dei più importanti romanzieri di tutti i tempi, colui che è riuscito a portare la letteratura nelle case popolari. Lo scrittore inglese ha mescolato momenti della sua vita reale ed elementi fantastici per dare forma ai personaggi indimenticabili di una storia senza tempo: un ebook che potete leggere in streaming su TIMREADING direttamente dal vostro smartphone. Il romanzo è uno degli esempi di critica di Dickens della società ed è anche una delle più famose e commoventi storie sul Natale nel mondo. Protagonista è il vecchio e tirchio finanziere Ebenezer Scrooge che nella notte di Natale viene visitato da tre spettri. Lo indurranno a un cambiamento radicale, a una conversione che farà di lui uno dei più grandi personaggi letterari di sempre. 

Ma il Festival è anche l'occasione per fare un gradevole viaggio nel tempo. Nel passato illustre di un colosso del cinema mondiale, Brian De Palma, al centro della retrospettiva parte integrante della rassegna. Da “Vestito per uccidere” a “Redacted”, passando per “Gli intoccabili”, in cartellone tutti i film, i cortometraggi, i documentari e i videoclip realizzati nel corso della lunga carriera del maestro di Hollywood. 

scarface-armitage-trail

E soprattutto il film cult del 1983 "Scarface" con protagonista un grandissimo Al Pacino, un capolavoro del genere gangster movie, remake dell'indimenticabile versione del 1932 di Howard Hawks. Due pellicole tratte liberamente dal celebre romanzo "Scarface", pubblicato nel 1930 da Armitage Trail. Il personaggio di Tony Montana, interpretato nel film di De Palma da un magistrale Al Pacino, è ispirato a Tony Guarino, gangster protagonista del romanzo di Trail ambientato nei ruggenti anni Venti delle gangs e dei goodfellas. Costretto a partire per la guerra per sfuggire alla polizia, Tony affina le tecniche di combattimento e guerriglia, ma ne ritorna irriconoscibile a causa di una lunga cicatrice che gli attraversa la faccia e da cui prenderà il suo soprannome: Scarface, lo Sfregiato. Sarà, tuttavia, proprio questa cicatrice a determinare da un lato la sua fortuna, costituendo la chiave della sua scalata ai vertici del crimine organizzato, dall'altro la sua rovina. 

dalia-nera-ellroy-james

"De Palma è un mago dello schermo, uno di quei registi ai quali è quasi sempre riuscita la magia di tenere lo spettatore attaccato alla sedia con gli occhi fissi sullo schermo - ha spiegato la direttrice del festival Emanuela Martini - un maestro di stile, erede di Hitchcock, ma anche di Godard e di Eisenstein". Nell'omaggio a De Palma non poteva mancare "Black Dahlia", film con Josh Hartnett e Scarlett Johansson diretto nel 2006 dal regista americano. Un omaggio al cinema classico e atto d’accusa a Hollywood che, dietro lusso e lustrini, nasconde un’anima abietta. Tratto dal romanzo "Dalia Nera" del 1987 di James Ellroy, uno splendido noir ambientato in una Los Angeles del 1947 che racconta la vera storia del misterioso ed efferato omicidio dell'aspirante attrice Elizabeth Short, una delle tante vittime dello show business americano. 

Allacciate le cinture e proiettatevi nel Festival! Ma ricordatevi che la città che lo ospita è anche molto altro: è un centro vivo, dinamico, che nel corso degli anni ha sempre ispirato romanzi e fatto da cornice a tantissime storie. Ripercorriamole insieme tuffandoci in un viaggio entusiasmante nella Torino letteraria

Buona lettura in streaming su TIMREADING!

 

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti