Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Una vita a Prova di Baby

LEGGI IN STREAMING IL DIVERTENTE BESTSELLER DI EMILY GIFFIN

Un giorno, ero in terza elementare, la suora ce lo chiese. Cosa volete fare da grandi? La sua non era una domanda aperta, non potevi dire, che so, l’ingegnere, l’astronauta, il medico. La sua era una domanda a risposta multipla, e le risposte, per la precisione, erano solo due. A) la suora e B) la mamma.

Quasi tutte risposero B, la mamma. Io ero una delle poche indecise. Io volevo fare entrambe. Volevo essere una suora e una mamma. Chiesi se si poteva fare, se si poteva essere al tempo stesso suora e mamma. No, mi disse. Ma potresti essere una bravissima missionaria laica e sposarti e avere dei bambini.

Mi sembrò la soluzione giusta. Perché io, di dubbi sulla maternità, non ne ho mai avuti. Fin da piccolissima. Volevo dei figli. Tre, per la precisione. Un maschio, una femmina e poi di nuovo un maschio. In quest’ordine. Entro i ventisei anni. Ventisei anni, allora, mi sembravano tantissimi.

Poi ci si è messa di mezzo la vita, molto ma molto lontana da quella di una suora laica e i ventisei anni sono arrivati in un baleno. Non avevo nemmeno un compagno, figuriamoci dei figli. L’idea però c’era sempre, era sempre lì. Non riuscivo ad immaginarmi senza figli. Non volevo immaginarmi senza figli.

a-prova-di-baby-giffin-emily

Mi sono spesso chiesta cosa ci sia nella mente di una donna che non vuole figli. Non nella mente di chi lascia scorrere il tempo e si ritrova, un giorno, col rimpianto e la necessità di accettare una maternità mancata. Ma nella mente di quelle donne, e so che sono tante, che alla maternità non ci pensano proprio. Che la loro vita va bene così. Che vogliono vivere, viaggiare, amare, conoscere, il tutto senza la responsabilità di un altro essere umano. Me lo sono chiesta perché, nonostante la libertà mi sia sempre piaciuta e tanto, dentro di me viveva la matrice della madre che un giorno sarei diventata. Era parte di me, come il colore degli occhi e il neo sulla mano sinistra. Una sorta di programma biologico imprescindibile. Non c’ero io senza l’io-madre. E anche se la maternità per me ha significato mesi difficili, di depressione, insonnia, difficoltà di adattamento, non tornerei mai indietro.

Una parte di me invidia quelle donne, quelle a cui la maternità non manca affatto. Le immagino come persone che vivono talmente bene con se stesse da non avere necessità di altro. Come Claudia,  la protagonista del romanzo di Emily Giffin che vi consiglio questa settimana, A prova di baby.  Claudia non vuole figli e la Giffin è così brava a raccontare lei e la sua vita, che riesci anche ad immedesimarti in lei. Sei felice quando incontra Ben, anche lui deciso a non riprodursi e ti dispiace quando… beh, il resto è meglio che lo scopriate voi leggendo. Un romanzo rosa leggero e rilassante, da finire d’un fiato, ideale da leggere in streaming stese sul letto, in penombra, col vostro smartphone, durante il riposino pomeridiano dei piccoli.
Parola di mamma.

 

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti