Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Suburra diventa una serie tv

Attesissima, dopo la proiezione delle prime due puntate al festival del Cinema di Venezia, arriva su Netflix la prima serie italiana prodotta dalla piattaforma streaming: Suburra. Dopo il film di Stefano Sollima, regista di Acab, una nuova trasposizione dell’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, che descrive una Roma territorio diviso di poteri forti ed eterni come la sua bellezza: la Mafia, la Politica e la Chiesa, tenute assieme da un collante impossibile da debellare, quello della criminalità.

suburra-bonini-carlo

Un romanzo imperdibile, da leggere in streaming sullo smartphone, una fiction che prende le mosse dalla cronaca quotidiana che ancora oggi affoga la Capitale d’Italia.

Giancarlo De Cataldo non è nuovo a queste tematiche, suo anche il Romanzo Criminale, che molte cose ha in comune con Suburra. Tre giovani protagonisti e gli stessi poteri a fare da contraltare nella Roma ai tempi della Banda della Magliana, i cui fili di dipanano dagli anni ’70 fino ai giorni nostri, raccontando il cuore occulto della Storia d'Italia messo a nudo. Ma le somiglianze non finiscono qui, visto che Romanzo Criminale è diventato prima un film, diretto da Michele Placido, e poi una serie tv diretta dallo stesso Sollima.

romanzo-criminale-de-cataldo-giancarlo-La serie Tv Suburra è sostanzialmente un prequel degli avvenimenti raccontati nel romanzo e nel film. Una storia di formazione che vede i tre giovani protagonisti, Numero 8 (Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara) e Lele (Eduardo Valdarnini), diversi per origine, ambizioni e passioni ritrovarsi alleati per raggiungere i loro sogni di potere criminale. Fa da sfondo una Roma corrotta e decadente, disposta a svendersi al miglior offerente.

I primi 10 episodi sono diretti da Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi e vedono la partecipazione nel cast di Claudia Gerini e Filippo Nigro, tra gli altri.

Del romanzo Suburra di Bonini e De Cataldo rimane soprattutto l’immagine di una Roma lunare e sguaiata scenario di una feroce mattanza. Un Grande Progetto che seppellirà sotto una colata di cemento le sue periferie. Mentre l'Italia affonda, politici, alti prelati e amministratori corrotti sgomitano per partecipare all'orgia perpetua di questo Basso Impero criminale.

 

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti