Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.

5

Product was successfully added to your comparison list.

0 Com

Sono al lavoro quindi leggo

Come combattere lo stress da rientro con i libri? Insonnia, irritabilità, spossatezza, ansia, senso di inadeguatezza: sono queste le reazioni tipiche di chi torna al lavoro dopo qualche settimana di relax. Sono sensazioni così diffuse che gli esperti parlano di “sindrome da rientro” per indicare quel particolare disturbo dell’adattamento che agendo sull’asse ipotalamo-ipofisi-surreni ci coglie al ritorno dalle vacanze. In effetti ci vuole molta buona volontà per riadattarsi a computer e scrivania se fino a pochi giorni prima si era in spiaggia a giocare a racchettoni o a camminare su per qualche fresco sentiero di montagna.

fantozzi-rag-ugo-vintage-villaggio-paolo

Nei giorni in cui la mente si sforza di ricordare come diavolo riuscissimo a fare tutto quello che facevamo fino a poche settimane prima abbiamo anche l’incombenza sociale di dover ascoltare i racconti delle vacanze dei colleghi, di certo più mirabolanti delle nostre. Il malumore ci assale: è lo stesso sentimento di angoscia dopo le ferie che aveva indotto l’impiegato Ugo Fantozzi a scrivere in cielo con il dito: “Il Megadirettore è uno stronzo!”.

In questo 2017 per la prima volta il ragionier Fantozzi, nella sua incarnazione di Paolo Villaggio, non farà ritorno dalle sudate ferie. Rileggerne le gesta nella raccolta Fantozzi, rag. Ugo. La tragica e definitiva trilogia, che ha dato ispirazione alla celeberrima serie di film, ci aiuterà a superare lo shock da rientro ridendoci sopra.

la-calma-chuang-tzu

Ogni vademecum di sopravvivenza post-vacanziera inizia con una parolina magica: gradualità. Fate le cose con calma, riadattatevi (o rassegnatevi) senza fretta, come il corpo che si immerge con cautela in una vasca piena di acqua calda. E leggetevi i consigli del filosofo taoista del IV secolo avanti Cristo Chuang-Tzu, raccolti nel volume “La calma”: molto prima dell’invenzione delle ferie il filosofo insegnava ai suoi discepoli che solo la quiete del saggio permette di ritrovare l’armonia cosmica. I moderni discepoli potranno tenere i consigli di Chuang-Tzu sotto forma di e-book nello smartphone per poterli agevolmente consultare nei momenti di maggiore sconforto lavorativo.

l-ozio-come-stile-di-vita-hodgkinson-tom

Ma se la lettura di Chuang-Tzu non riuscirà a risollevarvi lo spirito, allora il problema è grave. Poche settimane di vacanza vi avranno fatto capire che la vostra dimensione naturale non è quella del lavoro. Niente paura, c’è un altro libro che fa per voi. E’ “L’ozio come stile di vita” di Tom Hodgkingson. Si tratta di un divertente manuale scritto da un signore britannico fondatore della rivista “The Idler”, l’ozioso. La lettura di questo libro vi farà capire che la pigrizia è un diritto, che l’ansia del rientro è solo nella vostra mente e il modo migliore per liberarsene è sbarazzarsi direttamente del lavoro.

In fondo, tuttavia, se soffrite di sindrome da rientro al lavoro non dovrete lamentarvi troppo. Vuol dire infatti che un lavoro ce l’avete e di questi tempi avere un lavoro è pur sempre una bella consolazione.

 

Scrivi un commento

Autenticati per inviare un commento.

clicca qui per autenticarti